domenica 13 novembre 2011

Il panificatore


Come tutti sanno, in Islanda non esiste il pane (sostituito da un alimento a caso, ovvero le patate lesse). Come sappiamo, non c'è stata una vera guerra tra pane e patate lesse, che abbia decretato la vittoria di queste ultime: si è trattato, nient'altro, che di un sopruso perpetrato dalle multinazioniali della patata lessa, una sorta di governo tecnico imposto dall'Europa. E' il momento di dire basta: con l'aiuto di un noto panificatore di GuidXXXX, noto alle forze dell'ordine per i suoi forni illegali alimentati dal legno delle bare, riusciremo a imporre il pane agli islandesi. Abbiamo bisogno di una figura lieta, in grado di rassicurare gli islandesi e convertirli alla consumazione del pane (dal latino panis), che è un prodotto alimentare ottenuto dalla lievitazione e successiva cottura in forno di un impasto a base di farina di cereali, acqua, uova confezionato con diverse modalità, arricchito e caratterizzato sovente da ingredienti prettamente regionali. E quale figura è più rassicurante di quella del Panificatore?

Post apparso nella Trattoria alla fine del mondo